AMBIENTE

ISO 14001:2015

OTTENIMENTO CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

Dopo un’intensa attività preparatoria l’azienda ha concluso il progetto di certificazione del proprio sistema di gestione ambientale ai sensi della norma ISO 14001:2015 (testimonianza di tutto ciò è il recente rilascio del certificato n. 282498-2019-AE-ITA-ACCREDIA emesso dal DNV GL il 24 gennaio 2019).
Unica impresa di costruzioni in Friuli Venezia Giulia ad avere tutti e quattro gli schemi ISO 9001, ISO 14001, BS OHSAS 18001 e SA 8000 certificati Accredia/Sai (esclusi i casi di Quercia Ambiente soc. Coop. Sociale e, ovviamente, I.CO.P Spa che operano però in mercati non completamente omogenei al ns).

Questo può e deve essere per tutti motivo di orgoglio!!!
Il ragguardevole traguardo raggiunto dimostra l’attenzione e la sensibilità dell’azienda ai temi della responsabilità sociale, della tutela dell’ambiente, della salute e sicurezza dei lavoratori, del costruire bene, del rispetto della leale concorrenza, della legalità e degli altri.

Il tutto in un settore merceologico non certo semplice e banale.

Ogni cantiere rappresenta in effetti un ciclo produttivo a sé, con caratteristiche e connotati che lo rendono unico rispetto a tutti gli altri.

Un ciclo produttivo difficile da standardizzare, sempre in quotidiano cambiamento.

Un po’ come ciascuna persona è unica e inimitabile, con proprie sfumature, esperienze, peculiarità, sensibilità e fisionomie, con propri gusti, orientamenti, attitudini, pregi e difetti, non di meno ciascun cantiere è un unicum con propri aspetti e impatti ambientali, con propri rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori, con un proprio contesto, con specifiche difficoltà a cui saranno sottoposti i lavoratori e con peculiari aspettative delle parti interessate. Un cantiere stradale è diverso da un cantiere edile e tutti e due sono estremamente diversi da un cantiere marittimo.

Aprire un cantiere in Piazza Matteotti a Udine è addirittura un’altra storia rispetto a un cantiere aperto in Via Cividale.

Ma questa peculiarità non deve essere la scusa per non agire in una certa direzione.

I Criteri Ambientali Minimi, i modelli organizzativi 231, il nuovo codice delle crisi d’impresa, il regime di adempimento collaborativo fiscale, il whisteblowing vanno proprio in quella direzione.

Questa è la sfida che si propone ciascun sistema di gestione e che l’azienda dovrà essere in grado di cogliere.

Una lavorazione potrebbe essere eseguita in molteplici modalità. Ma sarai veramente bravo solo se sei capace di coniugare l’economicità (tempi e costi) con il rispetto delle normative ambientali, di sicurezza, fiscali e giuslavoristiche.

Il “costruire bene” oggi vuol dire questo, la “responsabilità sociale” ne diviene domani sinonimo ineludibile e l’aspetto tecnico esecutivo (quello che fino a ieri era il saper costruire un muro o realizzare una fognatura e poteva anche bastare) non è che una conditio sine qua non.

Rimbocchiamoci le maniche che di lavoro ce n’è da fare.

E grazie a tutti coloro che vorranno far parte di questa sfida.

Di seguito il certificato n. 282498-2019-AE-ITA-ACCREDIA emesso dal DNV GL sul sistema di gestione aziendale ISO 14001:2015

http://www.adriacos.it/wp-content/uploads/2019/02/ISO-14001.pdf